Simone Rugani, Matteo Rocchi

Programma del concerto

D. Shostakovich

Sonata Op. 147

T. Adès

Three Berceuse from The Exterminating Angel (prima italiana)

F. Schubert

Sonata D821 “Arpeggione”

Qualcosa sul duo

Simone Rugani e Matteo Rocchi suonano insieme in numerosi concerti. Entrambi i musicisti vantano carriere individuali di successo, caratterizzate da studi prestigiosi, vittorie in concorsi internazionali e collaborazioni con rinomati artisti e orchestre. Come duo, combinano le loro abilità e sensibilità musicali, esibendosi in concerti che uniscono il virtuosismo pianistico di Rugani e la profondità espressiva della viola di Rocchi, offrendo interpretazioni di alto livello artistico sia in Italia che all’estero.

Gli artisti

Simone Rugani. Nato nel 1993 e diplomatosi a 17 anni con il massimo dei voti sotto la guida della prof.ssa Nadia Lencioni, si è esibito in numerosi festival in Italia e all'estero (tra cui si ricorda l' "Aurora Star Music Festival" 2012 (SWE) con i maestri Urban Agnas e Jonas Bylund, l'AsiagoFestival 2017 con Duccio Beluffi e Claudio Pasceri e la Casa Italiana Zerilli Marimò di New York).
Ha vinto il primo premio assoluto al 26° Concorso Pianistico Internazionale "Città di Albenga" ed il Concorso Nazionale "Nuova Coppa Pianisti d'Italia" (4a edizione) di Osimo.
Nel 2018 è risultato vincitore, in duo con Daniele Sabatini, del secondo premio (con primo non assegnato) allo Stasys Vainiūnas International Chamber Music Competition e al Concorso Nazionale di musica da camera “Francesco Cilea” di Palmi (RC).
Ha inciso un cd/dvd di musiche del compositore Cesare Galeotti e un cd con musiche di Debussy e Stravinsky per Musikstrasse premio, vinto nell'ambito del "Campus delle Arti" 2013.
Ha seguito master con Fabrizio Datteri, Aquiles delle Vigne, Mats Widlund, Boris Berman, Pavel Gililov, Maria Grazia Bellocchio e Pier Narciso Masi.
Ha conseguito nel 2019 col massimo dei voti il master di secondo livello al conservatorio di Padova con il maestro Konstantin Bogino e frequenta una masterclass di musica da camera presso l’AIMRoma con l’Ars Duo.

Matteo Rocchi. Nasce a Roma il 2 agosto del 1990 e inizia lo studio del violino all'età di 10 anni con il M° Ciolfi.
All'età di 14 anni entra in Conservatorio sotto la guida del M° Paris e successivamente del M° Burton sotto la quale si diploma nel 2012 con il massimo dei voti vincendo anche la borsa di studio A. Giannuzzi come miglior diplomato dell'anno.
Ha collaborato con importanti orchestre italiane e vinto numerosi premi nazionali. Nell'ambito della musica contemporanea, dal 2013 ricopre il ruolo di viola solista nel gruppo Imago Sonora, debuttando nella stagione concertistica estiva dell'accademia Filarmonica e si esibisce con i più importanti ensemble di musica contemporanea quali PMCE e Divertimento Ensemble. Come camerista si è esibito in importanti sale da concerto e con prestigiosi musicisti di fama internazionale. Nel 2010 entra a far parte del Quintetto Amartè con il quale ha vinto vari concorsi di Musica da Camera e con esso svolge un'intensa attività concertistica in tutta Italia. Dal 2015 è il violista del Quartetto Guadagnini con il quale si esibisce in importanti sale in Italia e all'estero. . Nel 2017 per la rivista “Amadeus” incide l’opera 51 n.1 di Brahms e il Quartetto Americano di A. Dvorak con il Quartetto Guadagnini.

Ciao👋! Aiuto? Chiedi in chat!
Segreteria
Salve, come posso aiutarti?